:: Home Page del Centro di Medicina dei Viaggi della Divisione IL GIRO DEL MONDO

SC Malattie Infettive e Tropicali I, osp. Amedeo di Savoia, Torino SS Medicina dei Viaggi
App Mobile Il Giro del Mondo
App Mobile Il Giro del Mondo

Encefalite da zecche


Che cos’è?
La TBE è una malattia virale causata dal virus TBE, un flavivirus patogeno per l’uomo. Viene trasmessa all’uomo dalle zecche (principalmente del genere Ixodes, ma anche dei generi Dermatocentor e Haemaphysalis) in tutte le fasi di sviluppo (larve, ninfe, adulti). La malattia è endemica in Europa centrale (dall’Austria alla Siberia). La TBE è causata da due virus Flavivirus strettamente correlati;  il sottotipo orientale causa la forma “Primaverile-estiva della Russia” (Russia e nord dell’Asia), trasmessa da Ixodes persulcatus, mentre il sottotipo “occidentale” causa la forma di “Encefalite dell’Europa Centrale” ed è trasmessa principalmente da  Ixodes ricinus. La maggior parte delle infezioni è conseguente alla morsicatura della zecca, ma talora la malattia è acquisita mediante il consumo di latte non pastorizzato di mucca o di pecora.  

Cliccare per l'ingrandimento. Cliccare per l'ingrandimento.

Argas  spp.

Ixodes  spp.


Come si manifesta la malattia?
Nei casi di malattia si verificano tipicamente due fasi. Dopo una incubazione di circa 10 giorni, la malattia si presenta come una forma influenzale caratterizzata da febbre, cefalea e dolori articolari. Dopo una fase di intervallo della durata di 4-10 giorni, ha inizio la seconda fase dominata dalle manifestazioni della meningite (60%) o della meningoencefalite (30%) febbrile. La letalità è di circa l’1%. La forma orientale è gravata da maggiore severità.

Cosa si può fare?

La vaccinazione è raccomandata a tutti coloro che si recano nelle zone endemiche, in particolare per coloro che vivono nelle zone rurali e boschive (es. contadini, campeggiatori, soldati). Il vaccino è allestito con virus inattivato. Due schemi di vaccinazione: ai tempi 0, 1-3 mesi e 9-12 mesi; oppure per una immunizzazione rapida nei giorni 0, 7 e 21. Controindicato al di sotto dei 12 anni; dati insufficienti per l'uso in gravidanza e allattamento. Non controindicato in caso di immunodepressione, ma risposta anticorpale incerta.

Top