:: Home Page del Centro di Medicina dei Viaggi della Divisione IL GIRO DEL MONDO

SC Malattie Infettive e Tropicali I, osp. Amedeo di Savoia, Torino SS Medicina dei Viaggi
App Mobile Il Giro del Mondo
App Mobile Il Giro del Mondo

Febbre emorragica di Lassa


Che cos’è

La febbre emorragica di Lassa è una febbre emorragica virale trasmessa per contatto con roditori infetti o con i loro escrementi, specie le urine, ma anche per contatto con sangue, tessuti o secrezioni di persone a loro volta infette. Si tratta di una zoonosi causata da un virus appartenente alla famiglia degli Arenaviridae. Scoperta la prima volta nella città di Lassa in Nigeria nel 1969, è attualmente considerata endemica nelle foreste e nelle savane dell’Africa Occidentale dalla Nigeria al Senegal (vedi Figura). Ogni anno vengono colpite circa 500.000 persone con un picco di incidenza nella stagione secca tra Gennaio e Aprile. 




Come si manifesta la malattia ?

L’incubazione della malattia varia dai 3 ai 16 giorni: generalmente si manifesta in forma lieve, ma in un 5-10% dei casi si presenta come una grave malattia multisistemica talora mortale.
Più frequentemente è accompagnata da febbre, cefalea, mialgie e malessere generale, ma comuni sono anche faringite, dolore retrosternale, tosse e sintomi gastrointestinali. Talora si rilevano edema periorbitale, congiuntivite e rash maculopapulare. Le complicanze consistono in emorragie cutanee e mucose (15-20%) e perdita di udito (25-30%) che in metà dei casi è permanente. Particolarmente a rischio sono le donne in gravidanza.
La diagnosi si ottiene mediante dosaggio degli anticorpi specifici. E’ anche possibile isolare il virus dal sangue o dalle urine.


Cosa si può fare ?

Non esiste una vaccinazione. Il trattamento consiste nelle cure di supporto; tra i farmaci si ipotizza l’impiego della ribavirina che sembrerebbe essere in grado di ridurre la gravità e la durata della malattia, se somministrata fin dai primi giorni di comparsa dei sintomi. I viaggiatori si possono difendere facendo particolare attenzione ad evitare il contatto con i roditori o con il loro habitat; nel caso di verificasse la possibilità di contatto con pazienti infetti o sospetti tali è necessario utilizzando tutte le misure di protezione individuale (maschere, guanti, camici).
Durante un’epidemia è strettamente necessario isolare i pazienti malati.


L'epidemia

Epidemie sono state osservate negli ultimi anni in Sierra Leone (2004) e in Nigeria (2005).



Top