:: Home Page del Centro di Medicina dei Viaggi della Divisione IL GIRO DEL MONDO

SC Malattie Infettive e Tropicali I, osp. Amedeo di Savoia, Torino SS Medicina dei Viaggi
App Mobile Il Giro del Mondo
App Mobile Il Giro del Mondo

Meningite meningococcica


Che cos’è?

E' una malattia batterica causata dal batterio Neisseria meningitidis. La malattia è ubiquitaria, ma sono presenti aree di iperendemia (America latina, Africa) e focolai epidemici estesi. Le regioni dell'Africa dove si verificano le più devastanti epidemie è chiamata "fascia della meningite" e va dal Senegal-Gambia ad ovest all'Etiopia-Kenia ad est passando per il Mali, il Burkina Faso, la Nigeria, il Niger, il Chad, la RCA, il Sudan, l'Uganda e la Tanzania.
 

La trasmissione avviene per contatto diretto aereo attraverso le goccioline di saliva, ed è favorita dal contatto stretto (nelle abitazioni, nei luoghi affollati ecc.).


Come si manifesta la malattia?

Il periodo di incubazione è in media di 2-3 giorni. La malattia ha esordio acuto caratterizzato da febbre, cefalea, alterazioni dello stato di coscienza dal semplice disorientamento al coma, fenomeni emorragici. Si tratta di una malattia potenzialmente letale ed è una emergenza medica e deve essere trattata di conseguenza.


Cosa si può fare?

E' disponibile un vaccino costituito dall'antigene capsulare dei batteri. E' efficace per 5 anni negli adulti, mentre nei bambini piccoli l'efficacia ha durata minore. La vaccinazione è indicata per coloro che si stabiliscono nelle aree di maggiore endemia ed hanno stretti contatti con la popolazione. In caso di epidemia o di contatto con paziente affetto da meningite meningococcica è anche possibile fare una chemioprofilassi con rifampicina (600 mg due volte al giorno per due giorni negli adulti, 10 mg/kg due volte al giorno per due giorni nei bambini) o con ciprofloxacina (500 mg in dose unica, soltanto negli adulti) o Ceftriaxone (adulti 250 mg i.m. , bambini 125 mg in dose unica).


Top