:: Home Page del Centro di Medicina dei Viaggi della Divisione IL GIRO DEL MONDO

SC Malattie Infettive e Tropicali I, osp. Amedeo di Savoia, Torino SS Medicina dei Viaggi
App Mobile Il Giro del Mondo
App Mobile Il Giro del Mondo

Tunisia

Note geografico-climatiche


Repubblica presidenziale dell'Africa Settentrionale. Capitale: Tunisi. Moneta: Dinaro tunisino. Lingua: arabo (ufficiale), francese. Clima mediterraneo, mite nelle regioni costiere; continentale, arido nelle regioni centrali; desertico a sud. Temperature max e min a Febbraio e luglio: Tunisi: 14/6, 32/20; Hamamet: 16/7, 31/21; Jerba: 16/6, 32/22. Non è richiesto il visto di ingresso. Ambasciata d'Italia. 3, Rue de Russie - 1002 Tunisi. Tel. 002161 321811. Fax 324155. E-mail: AMBITALIA.TUN@Email.ati.tn. Home page: www.ambitalia-tn.bo.cnr.it.




Distribuzione geografica di alcune infezioni


Carbonchio

Paese endemico

Diarrea

Area ad alto rischio (oltre il 20% dei viaggiatori contrae la patologia).

Epatite A

Rischio elevato per tutti i soggetti recettivi.

Febbre tifoide

Area a media endemia.

Leishmaniosi viscerale

Paese a basso rischio: casi sporadici riportati.

Meningite meningococcica

Per questo paese non sono disponibili dati sufficienti per una corretta classificazione.

Rabbia

Area ad alto rischio (WHO 2013).

Schistosomiasi

Il rischio è presente in specifiche aree del territorio. In particolare: BOTSWANA: valle del Limpopo e suoi tributari; distretti di Okavango e Chobe, in particolare villaggi lungo i due fiumi e paludi dell'Okavango (assente nei distretti di Kgalagadi, Ghanzi, Central-Serowe) BRASILE: aree urbane e suburbane dei seguenti Stati --> Rondonia - Parà  - Alagoas - Bahia - Ceara  - Maranhao - Paraiba - Pernambuco - Piaui - Rio Grande do Norte - Sergipe - Federal District (Brasilia) - Goias - Espirito Santo - Minas Gerais - Rio de Janeiro - Parana  (incluse cascate Iguacu)- Santa Catarina. BURUNDI: lago Tanganica e piano di Rusizi, inclusa la capitale Bujumbura - laghi Cyohoha e Rwihinda (assente in altipiani centrali e aree a Est e Sud di Bujumbura) CINA: valle dello Yangtze e suoi tributari - Hubei (Wuhan e tutti i laghi) - Jiangxi (lago Poyang, valle del Gan) - Zhejiang (nord e baia di Hangzhou) - Fujian (città  costiera di Xiapu e baia di Sandu) - Sichuan (grande area attorno a Chengdu, bassa valle dell fiume Yalong) - Yunnan (settore nord-est, incluse le valli dello Yangtze e del Mekong, lago di Er) EGITTO: endemia nel sud compresa area di El-Faiyum, nel nord incluso canale di Suez (N.B.: Egitto è uno dei Paesi con più¹ alto rischio di infezione) FILIPPINE: regioni di Luzon (valle di Irosin-Juban) - Mindoro (lago Naujan) - Samar (aree costiere ovest e nord) - Leyte (tutta l'isola eccetto quadrante sud) - Bohol (area costiera nord) - Mindanao (baia di Panquil, fiume Agusan, coste penisola nord - colonia penale e baia di Davao ERITREA: aree di Gash Barka - Anseba - Debub e Maekel. Raro nelle aree costiere GUINEA BISSAU: nord del Paese, soprattutto valli del Cacheu e Geba e lungo i confini con la Guinea (assente nelle paludi salate, nelle foreste di mangrovie e nelle isole) KENYA: endemia nelle aree agricole irrigue e aree suburbane attorno al lago Vittoria - pianure a est, distretti di Machakos e Kitui (nord-est e nord di Nairobi) - bassa valle del Tana - aree costiere dell'oceano Indiano (N.B. la completa diffusione dell'infezione è ancora incerta) LIBERIA: regioni interne (assente in aree costiere) MAROCCO: province di Tètuan - Kenitra - Nador - Oujda. Endemia nella metà  sud del Paese, comprese oasi e uadi NAMIBIA: nord ai confini con Angola, Zambia e Botswana lungo fiumi Okavango, Chobe e Zambesi REPUBBLICA DOMINICANA: endemia con richio maggiore nelle aree interne est (province di Hato Mayor, El Seibo e Altagrancia) SIRIA: nord-est del Paese lungo i bacini dei fiumi Belikh ed Eufrate - settore Ar Raqqah - settore Al Hasakah (lungo i confini con l'Iraq) SOMALIA: endemia nelle province a sud (Hiran Benadir, Lower e Upper Jubba) - aree agricole irrigue dei fiumi Shabeelle e Jubba SUD AFRICA: alta endemia nel nord-est del Paese, soprattutto nel Nord Transvaal e lungo in bacino del fiume Limpopo e tributari, nel Sud Transvaal (zona nord-est e confini con lo Swaziland). Alto rischio in pianure e zone costiere del Natal. Aree di infezione localizzate nel Ciskei, Eastern Cape, Port Elizabeth, Provincia del Capo (basso bacino del fiume Orange) THAILANDIA: infezione limitata alle regioni di Chongmek (provincia di Ubon) e nel sud della provincia di Nakhon Si Thammarat TUNISIA: basso rischio nei Governatorati di Gabès e Gafsa




Profilassi farmacologica, immunoprofilassi e raccomandazioni


Carbonchio

La malattia si acquisisce per contatto con materiale animale infetto: l'esposizione professionale riguarda la lavorazione di lane ovine o caprine e dei pellami, così come il contatto fortuito con carcasse di animali morti per carbonchio. I soggetti che, per la loro attività, corrano un maggior rischio di esposizione, debbono ricorrere ad un adeguato abbigliamento protettivo. Le spore di B.anthracis rimangono potenzialmente infettanti per anni: i turisti dovranno, pertanto, tenere presente che, in alcuni paesi, i manufatti in pelle o in lana potrebbero essere contaminati. Chemioprofilassi: (durata 8 settimane): Adulti: Ciprofloxacina per os (500 mg ogni 12 h) o doxiciclina (100 mg per os ogni 12 h). Bambini e donne in allattamento: Amoxicillina 500 mg x 3 per os; in caso di esposizione molto probabile o certa si può impiegare anche la Ciprofloxacina 20-30mg/Kg/die per os in due somministrazioni (max 1g/die) o la Doxiciclina 5mg/Kg/die per os (quest'ultima solo nei bambini di età >8 anni).

Diarrea

Evitare il consumo di: bevande non imbottigliate, ghiaccio, gelati artigianali, cibi crudi o poco cotti (carne, pesce, crostacei, molluschi, uova, verdura e frutta non pelabili, latte e derivati), conservati e riscaldati o venduti per strada. Potabilizzare l'acqua mediante bollitura o con iodio o cloro. Infezioni trasmesse mediante alimenti o acqua: colera, febbri tifoide e paratifoidi, salmonellosi, brucellosi, epatite A ed E, amebiasi, giardiasi, altre infezioni da protozoi, elmintiasi. Attenersi a quanto suggerito alla pagina "Protezione dalle infezioni" (acqua potabile/alimenti/diarrea del viaggiatore). Chemioprofilassi: raccomandata a soggetti affetti da patologie croniche gravi o sottoposti a terapia con antiacidi, o per soggiorni "critici" (non indicata per periodi superiori alle 2 settimane): Rifaximina o Ciprofloxacina (controindicata nei minori di 18 anni). In alternativa: cotrimossazolo. Terapia: vedere "Trattamento della diarrea del viaggiatore" 1. Ridratazione orale. 2. Farmaci sintomatici (ad es. loperamide) 3. Antibiotici in caso di febbre, sangue o muco nelle feci, o durata superiore ai 3 giorni: Ciprofloxacina (non sotto i 18 anni): 500-1.000 mg/die per 3-5 giorni, unitamente alla reidratazione orale, oppure Rifaximina: 400 mg due volte al giorno per 5-7 giorni. Alternative: cotrimossazolo (160/800) una cpr. due volte al giorno per tre giorni o azitromicina (1 g in dose unica o 500 mg/die per 3 gg.).

Epatite A

La vaccinazione è raccomandata a tutti i viaggiatori, anche se nessuna profilassi dispensa dalle misure di igiene degli alimenti (vedi "Raccomandazioni per evitare le infezioni da alimenti e bevande" e "Igiene degli alimenti "). Vaccini: HAVRIX ©, EPAXAL ©, VAQTA ©. 2 dosi im ai tempi 0 e dopo 6-12 mesi. Protettivo (>90%) dopo I dose. Quando indicata anche la vaccinazione per Epatite B si possono associare i due vaccini: Epatite A + B: TWINRIX © (per adulti e pediatrico): 3 dosi ai tempi 0, 30 giorni e 6-12 mesi.

Febbre tifoide

La vaccinazione è consigliata specie in caso di soggiorno in condizioni igieniche precarie. La vaccinazione non dispensa dall'attuare tutte le precauzioni di igiene degli alimenti. Vedere anche "Raccomandazioni per evitare le infezioni da alimenti e bevande".Vaccino orale (VIVOTIF ©). Sconsigliato agli immunodepressi; 1 cp. al di per 3 gg. a dì alterni. Protettivo dopo 15 gg per 3 anni. Non associare antibiotici, distanziare da meflochina di 24 ore, non associare il vaccino antipolio orale (Sabin); oppure vaccino Vi iniettabile (Typhim Vi) singola dose im., durata 3 anni

Leishmaniosi viscerale

Non esiste un vaccino e non sono disponibili farmaci per la chemioprofilassi. I viaggiatori si possono difendere impiegando le misure di protezione contro le punture di insetti.

Meningite meningococcica

Chemioprofilassi: è consigliata profilassi antibiotica in caso di contatto stretto con pazienti ed in corso di epidemia. Ciprofloxacina 500 mg in unica dose (esclusivamente per i maggiori di 18 anni), oppure rifampicina: adulti, 900 mg/die per 2 giorni; bambini, 10 mg/Kg/die per due gg.; bambini <1 anno, 5 mg/Kg/die per due gg. Vaccinazione: raccomandata per viaggiatori che abbiano stretti contatti con la popolazione locale: personale sanitario, missionari, addetti a campi di rifugiati, bambini. Vaccino tetravalente (A+C+Y+W135) polisaccaridico o coniugato. 1 dose s.c.; protettivo dopo 15 gg. per 3-5 anni, con una migliore protezione da parte del vaccino coniugato. Per i bambini di età inferiore ai 2 anni richiamo dopo 3-4 mesi.

Rabbia

la vaccinazione è indicata in coloro che hanno probabilità di venire a contatto con i pipistrelli o con altri animali selvatici, o anche con amimali domestici, per motivi professionali (veterinari, allevatori, ...). E' anche raccomandata a tutti coloro che si recano in zone rurali per lunghi periodi (>3 mesi), o che abbiano in programm attività quali trekking o cicloturismo. Indicata anche per i bambini nelle medesime circostanze. Si raccomanda una accurata pulizia e disinfezione di tutte le ferite o abrasioni procurate da animali. Verificare anche la necessità di profilassi antitetanica. Vaccino ucciso (Rabipur©, Rasilvax©, Imovax©, Lyssavac©); 3 dosi ai tempi 0, 7, 21 (o 28 giorni). Protettivo per 2 anni circa. Utile controllare tasso anticorpale dopo tale periodo. Effettuare la profilassi post-esposizione (2 dosi) anche nei soggetti vaccinati.

Schistosomiasi

Evitare il contatto della cute anche per brevissimo tempo (doccia) con acque di fiumi, laghi, stagni e condotte di irrigazione. Scaldare l'acqua per 5' a 50°C in caso di necessità o trattarla con iodio o cloro. Frizionare con alcool in caso di contatto.

HIV/AIDS

Potrebbe essere richiesta certificazione di negatività per anticorpi anti-HIV per coloro che intendono stabilirsi nel paese per lavoro o studio. Non vi sono restrizioni per i turisti. Consulta: ../html/infezione_HIV.html. Evitare rapporti sessuali con prostitute. Utilizzare sempre un preservativo in occasione di rapporti con partners diversi da quello abituale. In caso di necessità (terapia iniettiva, vaccinazioni), impiegare soltanto siringhe monouso correttamente conservate. Se necessario, provvedere personalmente all'acquisto prima di partire.