:: Home Page del Centro di Medicina dei Viaggi della Divisione IL GIRO DEL MONDO

SC Malattie Infettive e Tropicali I, osp. Amedeo di Savoia, Torino SS Medicina dei Viaggi
App Mobile Il Giro del Mondo
App Mobile Il Giro del Mondo

Alimenti

In molti paesi della fascia intertropicale o anche in paesi a clima temperato nei quali il livello igienico (degli alimenti e dell’approvvigionamento idrico) sia basso, possono essere trasmesse numerose infezioni intestinali e non, mediante alimenti o bevande contaminate.

La diarrea del viaggiatore è la manifestazione di gran lunga più frequente, tuttavia, altre infezioni possono essere contratte in seguito al consumo di alimenti o bevande contaminate: tra di esse in particolare la febbre tifoidea (da frutti di mare, e da verdura), la brucellosi (dal latte e dai suoi derivati), le infestazioni intestinali da parassiti come la giardia o l’ameba (da vegetali e da acqua), l'epatite virale A (dall’acqua, dai frutti di mare, e dalle verdure non lavate).

 

Soltanto alcune di queste infezioni possono essere evitate mediante vaccinazioni (epatite A, febbre tifoidea, colera, Vedi vaccinazioni). Pertanto il viaggiatore deve prestare grande prudenza nella scelta delle bevande e dei cibi ed una meticolosa attenzione nella loro preparazione. E' preferibile in alcune occasioni digiunare alcune ore piuttosto che assumere alimenti potenzialmente infetti. Anche il ragionevole impulso ad assaggiare prodotti tipici locali deve essere trattenuto dalle norme del buon senso.
E se si è in trattamento con antiacidi come la ranitidina, l’omeprazolo, il Maalox?
Si deve ricordare che l’acidità gastrica dello stomaco è la prima barriera nelle difese dell’organismo dalle infezioni trasmesse per via alimentare; perciò quando si è in trattamento con questi farmaci si è esposti ad un rischio maggiore di acquisire le infezioni sopraddette e può essere indicata una profilassi farmacologica della diarrea del viaggiatore (es. ciprofloxacina); l'indicazione a questa profilassi dovrà essere discussa con il Medico curante o con lo specialista di Medicina dei viaggi.
Alcune semplici regole sotto esposte aiutano a ridurre il rischio di infezione e dovrebbero essere sempre rispettate. 


Come evitare le infezioni intestinali?

Non mangiare

Non bere

Vegetali crudi o insalate a meno che non siate certi della pulizia; cibi normalmente coltivati al suolo, che potrebbero essere contaminati da feci utilizzate per concimare; frutta che non si possa pelare o che non si possa lavare con acqua potabile possibilmente contenente cloro Acqua non certamente potabile.
Bere sempre acqua o bevande imbottigliate (assicurarsi che il tappo sia originale) o in lattina
Carne cruda o poco cotta, carne fredda Usare acqua sicura anche per lavarsi i denti
Pesce o frutti di mare crudi o poco cotti (ostriche, vongole, mitili, granchi) Non utilizzare il ghiaccio
Latte non pasteurizzato, formaggi o gelati di incerta provenienza, uova crude o poco cotte (maionese, salse) Non bere dal rubinetto, da pozzi o da torrenti se non è possibile purificare l'acqua con metodo sicuro
Assicurarsi che il cibo sia appena cotto e non riscaldato.
Evitare assolutamente cibi conservati dopo cotti per più di 2 ore anche se refrigerati

Non acquistare generi alimentari e bevande da venditori ambulanti

Evitare i ristoranti nei quali non sia curata l'igiene

Curare con scrupolo l'igiene personale soprattutto prima dei pasti



Top