:: Home Page del Centro di Medicina dei Viaggi della Divisione IL GIRO DEL MONDO

SC Malattie Infettive e Tropicali I, osp. Amedeo di Savoia, Torino SS Medicina dei Viaggi
App Mobile Il Giro del Mondo
App Mobile Il Giro del Mondo

Colera


Che cos’è?
Il colera è una malattia batterica causata dal Vibrio cholerae. Il vibrione vive nell’acqua attaccato ad alghe o a piccoli crostacei. Da questo ambiente, in particolari condizioni, il germe può essere trasmesso all’uomo attraverso l’acqua o il cibo contaminati. Si tratta di una malattia a trasmissione oro-fecale (il batterio viene eliminato con le feci dall'uomo, contamina l'ambiente, l'acqua, gli alimenti, e contagia nuovi individui quando introdotto con gli alimenti o l'acqua) Il vibrione può sopravvivere a lungo, fino a 14 giorni, in alcuni cibi (crostacei). La malattia è attualmente diffusa in molti paesi (Africa: Angola, Benin, Burkina Faso, Burundi, Cameroun, Capo Verde, Ciad, Comore, Congo Brazzaville, Costa d'Avorio, Gibuti, Ghana, Guinea, Guinea Bissau, Kenia, Liberia, Madagascar, Malawi, Mali, Mauritania, Mozambico, Niger, Nigeria, Repubblica Centro Africana, Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, Sao Tomè e Principe, Senegal, Sierra Leone, Somalia, Sud Africa, Swaziland, Tanzania, Togo, Uganda, Zambia e Zimbabwe; America: Brasile, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Nicaragua, Perù e Venezuela; Asia: Afghanistan, Bhutan, Cambogia, Cina, Filippine, India, Iran, Iraq, Laos, Myanmar , Nepal, Sri Lanka, Viet-Nam).

 
Riprodotta per cortese concessione di WHO da: 
Weekly epidemiological record Relevé épidémiologique hebdomadaire 
3 AUGUST 2001, 76th YEAR / 3 AOÛT 2001, 76 e 
ANNÉE No. 31, 2001, 76, 233-240
http://www.who.int/wer  

> Come si manifesta la malattia?
La caratteristica del colera è la diarrea acquosa che può essere di vario grado, da lieve a gravissima e causare in questo caso una disidratazione estrema e tale da mettere in pericolo di vita. L’esordio è brutale accompagnato da scarsi dolori addominali; il vomito accompagna e talora precede la diarrea.

Cosa si può fare?

Le norme di igiene alimentare sono sufficienti a ridurre in modo sostanziale il rischio di infezione. La cottura dei cibi e la bollitura dell’acqua eliminano il batterio.
Il trattamento si basa soprattutto sulla reidratazione. Gli antibiotici (tetracicline, co-trimossazolo) hanno un ruolo secondario nella terapia tuttavia riducono sintomi e durata.
Il rischio di colera nei viaggiatori è molto basso e tale da non rendere indicata la
vaccinazione . Alcuni paesi tuttavia la richiedono al momento dell’ingresso (Madagascar).

  REGIONE PIEMONTE  04 Febbraio 2009
Misure messe in atto per controllare epidemia di colera in Zimbabwe. Pdf

Top