:: Home Page del Centro di Medicina dei Viaggi della Divisione IL GIRO DEL MONDO

SC Malattie Infettive e Tropicali I, osp. Amedeo di Savoia, Torino SS Medicina dei Viaggi
App Mobile Il Giro del Mondo
App Mobile Il Giro del Mondo

Febbre gialla


Che cos’è?

La febbre gialla è una malattia virale causata da un flavivirus trasmesso all’uomo dalla zanzara Aedes spp.
 
Aedes  spp

La malattia è trasmessa in Africa sub-sahariana e in Sud America come mostrato dalla cartina. La malattia si manifesta secondo due modalità epidemiologiche. Si distinguono: 1) un ciclo di foresta in cui la malattia circola tra le scimmie e l’uomo contrae l’infezione recandosi in foresta: è la evenienza più comune in America latina dove l’infezione umana viene acquisita soprattutto nei bacini dei fiumi Magdalena, Orinoco e Rio delle Amazoni; 2) una ciclo urbano in cui l’infezione si propaga da uomo a uomo attraverso la puntura dell’Aedes. E’ questo quanto accade in Africa dove ogni anno si contano numerose epidemie e circa 200.000 casi.


 
WHO may, 2011
 

WHO may, 2011

 



(CDC Updated May 6, 2011)

 



(CDC Updated May 6, 2011)
 


Come si manifesta la malattia?
Un certo numero di casi di infezione (5-50%) sono inapparenti. La malattia può avere gravità variabile presentandosi in forme lievi e forme gravi emorragiche che hanno una letalità del 50%. L’incubazione è di 3-6 giorni. L’esordio è brusco, con febbre, cefalea, mialgie e iniezione congiuntivale. Dopo un periodo di remissione della durata da poche ore ad alcuni giorni inizia la fase di intossicazione caratterizzata da emorragie cutanee e digestive, sintomi a carico del fegato (ittero), dell’apparato urinario (insufficienza renale) e shock.


Cosa si può fare?

La febbre gialla è una malattia prevenibile con il vaccino 17D . Si tratta di un vaccino prodotto con virus vivo attenuato che produce con una sola iniezione una immunità duratura (almeno 10 anni) Il vaccino non è raccomandato al di sotto dei 4 mesi e consigliato soltanto in caso di esposizione probabile tra i 4 ed i 9 mesi. E’ controindicato durante la gravidanza ed in presenza di immunodepressione. Sono da seguire con scrupolo anche le norme per evitare il contatto con gli insetti vettori di malattie .
 


Top