:: Home Page del Centro di Medicina dei Viaggi della Divisione IL GIRO DEL MONDO

SC Malattie Infettive e Tropicali I, osp. Amedeo di Savoia, Torino SS Medicina dei Viaggi
App Mobile Il Giro del Mondo
App Mobile Il Giro del Mondo


2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic

Notizie di Dic 2017
Fonte Malattia Paese Situazione e Protezione
ECDC 01/12/2017 America
Secondo PAHO, dall'1 gennaio al 17 novembre 2017, nella regione delle Americhe e dei Caraibi sono stati riportati più di 183.000 casi sospetti o confermati, rispetto ai 441.000 registrati nello stesso periodo del 2016. La maggior parte dei casi è stata riportata dal Brasile (94% dei casi totali).
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017 Asia
PAKISTAN, provincia di Sindh: dall'1 gennaio al 17 novembre 2017 i mass media, citando le autorità sanitari, hanno riportato 4.724 casi. La città più colpita è Karachi, con 3.994 casi. Nel 2016 erano stati notificati solo 495 casi.
INDIA: dall'1 gennaio al 12 novembre 2017 sono stati riportati più di 48.000 casi sospetti, di cui 7.000 sono stati segnalati tra il 15 ottobre e il 12 novembre. Nel 2016 i casi sospetti segnalati erano stati 64.057 e, nel 2015, erano stati 27.553.
NEPAL: dall'1 gennaio al 18 novembre 2017 sono stati riportati 5 casi di chikungunya, inclusi 3 decessi.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017 Italia
Al 10 novembre 2017 il paese ha riportato 238 casi autoctoni confermati e 190 casi probabili.
espandi la notizia
Raccomandazione
ProMED 03/12/2017 Yemen
Secondo WHO, dal 27 aprile 2017, si sono registrati nel paese 962.536 casi sospetti, inclusi 2.219 decessi, in 22 delle 23 province. Il maggior numero di casi sospetti (circa 140.000) è stato riportato nella provincia dAl-Hudeidah, mentre il maggior numero di decessi è stato segnalato nella provincia di Hajjah.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017 Africa
COSTA D'AVORIO: dall'1 gennaio al 23 ottobre 2017, il paese ha riportato 1.281 casi sospetti di dengue, compresi 311 casi confermati e 2 decessi. Sono stati identificati i sierotipi DENV 2 (181 casi), DENV 3 (78 casi) e DENV 1 (13 casi). La località più colpita è la città di Abidjan con il 97% dei casi.
SENEGAL: dal 28 settembre al 17 novembre 2017 sono stati riportati 724 casi, di cui 115 confermati. Il sierotipo circolante è DENV-1. Dei 115 casi confermati, 104 sono stati segnalati dal distretto di Louga, 8 da quello di Dahra, 2 da quello di Coki e uno da quello di Keur Momar Sarr. Non sono stati riportati decessi nè casi di DHF.
SEYCHELLES: dalla metà di dicembre 2015 al 23 ottobre 2017 sono stati segnalati 4.068 casi sospetti, inclusi 3 decessi. DENV-2 è stato identificato come il sierotipo predominante. L'epidemia ha raggiunto il suo picco nella settimana 24/2016 ed un secondo picco più piccolo è stato osservato tra il 15 maggio e l'11 giugno 2017. I casi sono stati riportati da tutte le regioni delle 3 isole principali (Mahè, Praslin e La Digue).
BURKINA FASO: dall'1 gennaio all'11 novembre 2017 il paese ha riportato 12.087 casi sospetti, inclusi 7.418 casi probabili (positivi al test rapido) e 24 decessi. I sierotipi 1,2 e 3 sono co-circolanti, ma DENV-2 è predominante. I casi sono stati riportati in 12 delle 13 regioni sanitarie, con il 65% dei casi nella regione centrale, in particolare nella città di Ouagadougou.
MALI: dall'1 gennaio al 15 ottobre 2017 segnalati 345 casi, 26 dei quali confermati.
EGITTO: dall'1 gennaio al 30 ottobre 2017, i mass media citando organizzazioni non governative, hanno riportato 1.200 casi, incluso un decesso nella città di Al Qusair, governatorato del Mar Rosso, all'inizio di ottobre. Altri 10 casi sono stati segnalati nella città di Hurghada.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017 America
Secondo PAHO, dall'1 gennaio al 27 ottobre 2017, nella regione delle Americhe e dei Caraibi sono stati riportati più di 483.000 casi sospetti o confermati, inclusi 253 decessi. La maggior parte dei casi è stata segnalata da Brasile (219.040), Perù (73.766), Messico (58.697) e Nicaragua (54.025). Nello stesso periodo del 2016 si erano registrati più di 2.2 milioni di casi, inclusi 928 decessi.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017 Asia
Nel 2017 i paesi più colpiti in Asia sono Sri Lanka, Vietnam e India. India, Sri Lanka, Myanmar, Laos, Vietnam e Cina hanno segnalato più casi rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno, mentre Filippine, Malesia, Cambogia e Singapore ne hanno riportati un numero inferiore.
SRI LANKA: dall'1 gennaio al 17 novembre 2017 sono stati riportati circa 170.000 casi sospetti, inclusi 395 decessi. Il numero di casi più elevato si è registrato durante la settimana 29/2017. Nel 2016 il paese aveva registrato circa 55.000 casi durante l'intero anno. Tutti e 4 i tipi di virus dengue sono stati individuati nello Sri Lanka e il focolaio in corso è dovuto principalmente al sierotipo DENV-2, che non è quello che circola più frequentemente in Sri Lanka.
LAOS: dall'1 gennaio al 27 ottobre 2017 ha riportato 10.302 casi, inclusi 14 decessi rispetto ai 5.147 casi segnalati fino al 19 novembre dello scorso anno.
VIETNAM: dall'1 gennaio al 3 novembre, a livello nazionale, segnalati più di 160.000 casi, inclusi 30 decessi. Tuttavia nelle ultime 11 settimane si è assistito ad un un trend fortemente discendente. Al 30 settembre dello scorso anno erano stati riportati più di 79.000 casi, compresi 27 decessi.
THAILANDIA: dall'1 gennaio al 13 novembre 2017 sono stati riportati quasi 27.000 casi, inclusi 2 decessi.
INDIA: dall'1 gennaio al 12 novembre 2017, a livello nazionale, si sono registrati più di 129.000 casi, inclusi 200 decessi, rispetto ai 129.166 casi e 245 decessi segnalati per l'intero anno 2016. Degli 129.000 casi totali, 42.000 sono stati segnalati tra il 15 ottobre e il 12 novembre.
CINA: dall'1 gennaio al 30 settembre, a livello nazionale, segnalati 1.904 casi, rispetto ai 1.482 riportati per lo stesso periodo del 2016. Nel 2017 il numero dei casi riportati ha continuato ad aumentare a partire dal mese di giugno.
TAIWAN: al 19 ottobre riportati 10 casi autoctoni.
MYANMAR: dall'1 gennaio al 14 novembre 2017 il paese ha riportato più di 27.000 casi inclusi 170 decessi. Nel 2016 si erano registrati 9.149 casi e 55 decessi.
CAMBOGIA: dall'1 gennaio al 31 ottobre 2017 segnalati 2.884 casi sospetti, che sono meno di quelli registrati nello stesso periodo degli ultimi 3 anni.
MALESIA: dall'1 gennaio al 19 novembre 2017 sono stati segnalati quasi 78.000 casi, rispetto ai quasi 96.000 registrati nello stesso periodo dello scorso anno.
SINGAPORE: dall'1 gennaio al 28 ottobre 2017 riportati 2.364 casi, un numero inferiore a quelli registrati nello stesso periodo degli ultimi 4 anni.
PAKISTAN, provincia di Khyber Pakhtunkhwa.: da luglio al 9 novembre 2017 sono stati segnalati più di 114.000 casi sospetti di dengue, inclusi 24.000 casi confermati e 69 decessi. DENV-2 è stato identificato come il sierotipo circolante.

FILIPPINE: dall'1 gennaio al 30 settembre 2017 segnalati più di 97.000 casi, inclusi 526 decessi. Nel medesimo periodo del 2016 si erano registrati circa 167.000 casi.
NEPAL: al 26 ottobre 2017 sono stati riportati 341 casi di dengue, circa 300 dei quali nella città di Birtamod.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017 Australia
Dall'1 gennaio al 3 novembre 2017 il paese ha segnalato 916 casi confermati che includono sia casi importati che casi autoctoni. I casi autoctoni si sono verificati solo nello stato del Queensland.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017 Pacifico
POLINESIA FRANCESE: segnalati 16 casi tra il 9 e il 22 ottobre 2017. Nove casi su 16 sono stati confermati come dengue sierotipo 1
PALAU: al 10 ottobre 2017 il paese ha riportato 472 casi, inclusi 5 decessi ed il focolaio sta rallentando. Nel 2016 si erano registrati 53 casi.
NUOVA CALEDONIA: dall'1 gennaio all'8 novembre 2017 sono stati segnalati 4.409 casi di dengue sierotipi 1, 2 e 3, inclusi 11 decessi. Il numero dei nuovi casi settimanali sta diminuendo.
PALAU: al 10 ottobre 2017 il paese ha riportato 472 casi, inclusi 5 decessi. Nel 2016 i casi registrati erano stati 53. Al 5 novembre 2017 è in corso un focolaio di DENV-2 con un numero crescente di casi.
FIJI: al 13 novembre segnalati 2.699 casi, inclusi 9 decessi, rispetto agli 889 registrati nello stesso periodo dello scorso anno. Il picco dell'epidemia è stato raggiunto nel mese di maggio con 200 casi settimanali. L'8 novembre l'epidemia di DENV-2 è stata dichiarata conclusa.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017 Brasile
Tra luglio e novembre 2017, sono stati riportati in totale 103 casi sospetti di febbre gialla nello stato di San Paolo. Due di questi sono stati confermati e 15 sono in corso di investigazione. I due casi confermati, uno dei quali fatale, sono stati riportati dalla città di Itatiba tra il 17 settembre e il 7 ottobre 2017.
Da luglio all'inizio di novembre 2017, nello stato di San Paolo sono stati segnalati 720 casi epizootici nei primati, con un aumento nel numero dei casi osservato a partire dal 10 settembre. Di questi casi, 120 sono stati confermati come febbre gialla, 336 sono in corso di investigazione e 190 sono stati classificati come indeterminati. Il più elevato numero di casi epizootici si è registrato nell'area di Campinas, dove per la prima volta sono stati riportati casi dai comuni di Campo Limpo Paulista (settimana 38), Atibaia (settimana 39) e Jarinu (settimana 40). Altri casi epizootici sono stati recentemente segnalati all'interno dei grandi parchi nella città di San Paolo (settimana 40).
Di recente il Ministero della Salute ha riportato un caso confermato in Rio de Janeiro con una data di notifica che risale a luglio 2017.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017 Europa
Nella settimana 47/2017 l'intensità dell'attività dell'influenza in Europa è rimasta a bassi livelli per i 43 paesi segnalatori. Il 6.3% dei campioni sentinella è risultato positivo per virus dell'influenza, una percentuale più elevata rispetto alla settimana precedente (3.7%). Dalla settimana 40/2017 solo un piccolo numero di campioni positivi per virus dell'influenza è stato individuato nei campioni sentinella e non sentinella. La maggior parte dei virus sottotipizzati o assegnati ad uno specifico lineage è stata identificata come A(H3N2) e B/Yamagata.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017 Madagascar
Dall'1 agosto al 24 novembre 2017 sono stati riportati 2.384 casi confermati, probabili o sospetti, inclusi 207 decessi.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017
Vaiolo delle scimmie
Nigeria
Dalla metà di settembre al 23 novembre 2017, la Nigeria ha segnalato 155 casi umani sospetti di vaiolo delle scimmie in 21 dei 36 stati e nel Territorio della Capitale Federale. I casi includono 56 casi confermati e nessun decesso. Gli stati colpiti sono quelli di Abia, Akwa-Ibom, Bayelsa, Benue, Cross River, Delta, Ekiti, Edo, Enugu, Imo, Kaduna, Kano, Katsina, Kwara, Kogi, Lagos, Ondo, Nasarawa, Niger, Oyo e Rivers. I casi confermati sono stati segnalati dagli stati di Akwa-Ibom, Bayelsa, Cross River, Delta, Edo, Ekiti, Enugu, Imo, Lagos, Rivers, Katsina e Nasarawa, oltre che dal Territorio della Capitale Federale.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017
Zika virus
America
STATI UNITI, Florida: il 17 novembre è stato riportato un caso di infezione da Zika virus localmente acquisito nella contea di Miami-Dade. Il caso non ha storia di viaggi in aree endemiche e probabilmente si è infettato tramite la puntura di una zanzara. Tuttavia, secondo le autorità sanitarie, non ci sono prove di una trasmissione del virus in corso.
MESSICO: al 5 novembre 2017 sono stati riportati 2.491 casi di infezione da Zika virus, rispetto ai 6.459 casi segnalati per lo stesso periodo del 2016. Gli stati più colpiti sono quelli di Tamaulipas Nayarit e San Luis Potosi con 561, 458 e 407 casi riportati rispettivamente. Durante il medesimo periodo del 2016 questi stati avevano segnalato 51, 33 e 19 casi rispettivamente.
ARGENTINA: dall'1 gennaio al 22 ottobre 2017 il paese ha riportato 251 casi autoctoni di infezioni da Zika virus nelle province di Salta (189), Chaco (46) e Formosa (16).
PERU': il 4 novembre 2017 il paese ha riportato, in provincia di Chincha, il suo primo caso di microcefalia potenzialmente associato ad un'infezione da Zika virus.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017
Zika virus
Asia
SINGAPORE: dall'1 gennaio al 17 novembre 2017 si sono registrati 67 casi di infezione da Zika virus.
INDIA: un caso importato di infezione da Zika virus notificato dal sistema TESSy il 14 novembre 2017, ha una storia di viaggio in India nello stato di Tamil Nadu con esordio dei sintomi nella settimana 36/2017.
FILIPPINE: un caso importato di infezione da Zika virus segnalato dalla Nuova Zelanda nel mese di settembre 2017, aveva una storia di viaggio nelle Filippine durante il periodo di incubazione.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017
Zika virus
Burkina Faso
Il 14 novembre è stato riportato a Tessy un caso probabile di Zika virus con storia di viaggio in Burkina Faso.
espandi la notizia
Raccomandazione
ECDC 01/12/2017
Zika virus
Europa
Nel 2016-2017 nessun caso di infezione da Zika virus localmente trasmessa da vettore è stato riportato nei paesi dell'UE/EEA. Dall'1 gennaio al 14 novembre 2017, 13 paesi (Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Grecia, Irlanda, Olanda, Norvegia, Spagna, Svezia e Regno Unito) hanno riportato, attraverso il sistema TESSY, 151 infezioni da Zika virus associate a viaggi. Nello stesso periodo i casi tra le donne in gravidanza sono stati 18.
espandi la notizia
Raccomandazione