:: Home Page del Centro di Medicina dei Viaggi della Divisione IL GIRO DEL MONDO

SC Malattie Infettive e Tropicali I, osp. Amedeo di Savoia, Torino SS Medicina dei Viaggi
App Mobile Il Giro del Mondo
App Mobile Il Giro del Mondo

Vaccinazioni

La vaccinazione è soltanto una delle diverse strategie per la prevenzione delle malattie nei viaggiatori. Al momento attuale la sola vaccinazione obbligatoria per l'ingresso in alcuni paesi è quella per la febbre gialla (Vedi scheda vaccinazione anti febbre-gialla). Alcuni paesi richiedono, in particolari circostanze, una dimostrazione dell'avvenuta vaccinazione nei confronti del colera, della difterite e della meningite meningococcica. Tuttavia, le vaccinazioni raccomandate dai Centri di Medicina dei Viaggi possono essere più numerose di quelle obbligatorie. E' molto importante innanzitutto che le persone che si recano nei paesi tropicali abbiano uno stato di immunizzazione contro alcune infezioni molto comuni e diffuse come il tetano, la difterite, la poliomielite. Altre infezioni sono così frequenti nei viaggiatori che provengono da paesi industrializzati da essere molto raccomandate: l'epatite A (incidenza dello 0,3% al mese in soggetti recettivi) è raccomandata dalla Organizzazione Mondiale della Sanità in tutti i viaggiatori che si recano in paesi tropicali. Molte altre vaccinazioni sono inoltre consigliabili in particolari circostanze: febbre tifoidea, epatite B, rabbia, encefalite da zecche, encefalite giapponese e altre ancora.
Altri vaccini saranno disponibili in un prossimo futuro e potranno rappresentare una sicura protezione per i viaggiatori: quello contro Escherichia coli enterotossigeno (l'agente responsabile della diarrea del viaggiatore), o quello contro la Dengue, una malattia febbrile virale particolarmente frequente in Sud Est Asiatico ed in Sud-Centro America.


Cos'è un vaccino?

Un vaccino è una sostanza che serve a stimolare l’organismo a produrre delle difese (anticorpi, cellule immunocompetenti) nei confronti di una specifica infezione. Si parla in questo caso di immunizzazione attiva per distinguerla da quella passiva che si ottiene per mezzo delle immunoglobuline (utile in alcune situazioni ma di minor durata). I vaccini possono essere costituiti sia da microrganismi (virus o batteri) vivi ma attenuati ed incapaci, nell'individuo sano, di causare malattia, o microrganismi inattivati (uccisi); recenti progressi hanno anche consentito di allestire vaccini costituiti soltanto da componenti dei virus o dei batteri. Alcuni vaccini si somministrano per bocca altri mediante iniezioni. I moderni vaccini non causano che lievi reazioni ed un modesto fastidio in rari casi.


Quando farlo?

La risposta immunitaria a seguito della introduzione di un vaccino richiede da 2 a 4 settimane per svilupparsi. Alcuni vaccini inducono difese sufficienti anche con una sola inoculazione, altri necessitano di più somministrazioni (da 2 a 3).
I vaccini devono pertanto essere somministrati almeno 1 mese prima della partenza e per alcune infezioni una completa protezione può essere ottenuta soltanto con un ciclo di vaccinazioni della durata di 3-6 mesi. Molti vaccini possono essere somministrati contemporaneamente.


Perchè vaccinarsi

Le vaccinazioni proteggono nei confronti di alcune delle più gravi infezioni che possono essere contratte nel corso dei viaggi. In genere se ne consiglia la somministrazione quando ci si reca in paesi dove il rischio di contrarre queste infezioni è alto (paesi della fascia tropicale, alcuni paesi a clima temperato dove la situazione economico-sociale permette la diffusione di alcune infezioni).
L’elenco sottostante riporta le più comuni vaccinazioni disponibili. L’indicazione alla vaccinazione non può essere generalizzata ed è subordinata alla conoscenza esatta delle informazioni elencate in tabella e ad informazioni che possono essere raccolte dal medico del Servizio di medicina dei Viaggi o dal Medico Curante.




Vaccini raccomandati prima di viaggi in paesi tropicali

| Carbonchio | Colera orale | Difterite (Anatosssina) | Encefalite da zecche |
| Encefalite Giapponese | Epatite A | Epatite B | Epatite A + Epatite B |
| Febbre gialla (antiamarillica) | Febbre tifoidea(parenterale) |
| Febbre tifoidea(orale) | Meningite meningococcica (polisaccaridico tetravalente) | Meningite meningococcica (coniugato tetravalente) | Morbillo |
| Peste | Poliomielite(iniettabile) |
| Tetano(Anatossina) | Tubercolosi |




Carbonchio
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Il vaccino è di difficile reperimento e non è in genere indicato. E’ prodotto dalla Bioport (USA) http://BioPort.com Lansing, Michigan

Necessarie precauzioni per evitare il contagio dalle spore: occorre pertanto fare molta attenzione nell'acquisto e nella manipolazione di pelli; non toccare carcasse di animali, non mangiare carne di animali morti dopo malattia
2 sett. dopo

la terza dose
?
Modalità di somministrazione:l'immunizzazione consiste in tre iniezioni sottocutanee (o,5 ml) somministrate a due settimane di intervallo seguite da altre tre iniezioni somministrate a 6, 12, 18 mesi. Ogni anno è necessaria una iniezione di richiamo per conservare l'immunità
Principali precauzioni e controindicazioni
Da verificare sulla base delle indicazioni del produttore
Effetti collaterali più comuni
Vaccino poco impiegato; non disponibili dati




Colera
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite di età Rischio nei viaggiatori (<1 caso/100.000 esposti al mese, più alto in operatori sanitari e personale in situazioni di emergenza in aree endemiche e in corso di epidemie); indicazione in aree endemiche, in caso di epidemie (rischio di 44/100.000 per mese di esposizione).
adulti 76-85% a 6 mesi, 76% a 1 anno; bambini (2-6 anni) 100% a 6 mesi, 44% a un anno; segnalata azione protettiva contro la tossina termolabile di E. coli (diarrea del viaggiatore), stimata fino al 60% in alcuni studi Adulti 7 giorni dopo 2° dose; bambini 7 giorni dopo 3° dose 2 aa. adulti

6 m. bambini
> 2 anni
Tipo di vaccino:subunità B ricombinante della tossina colerica (rCTB) - prodotta nel V.cholerae 01 Inaba, ceppo 213 (inattivato)
Modalità di somministrazione: due dosi a distanza di 1-6 settimane in acqua con soluzione tampone, a stomaco vuoto da almeno un'ora prima e per 1 ora dopo. Tre dosi per i bambini da 2 a 6 anni. Richiamo dopo due anni per gli adulti, 6 mesi per i bambini (2-6 anni). Evitare la somministrazione di altri vaccini e medicinali per os un'ora prima e un'ora dopo.




Difterite
(Anatossina)
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite di età Raccomandata
80-95% 6 giorni 10 anni 4 settimane
Modalità di somministrazione: ciclo di base: 3°,5°,11°-13° mese di vita; richiamo a 5-6 anni e a 11-16 anni (preferibilmente dopo 10 anni dall'ultime dose); inoculazione intramuscolo; raccomandati richiami decennali con dT.
Principali precauzioni e controindicazioni
Primo trimestre di gravidanza

Ipersensibilità o reazioni neurologiche o reazioni locali gravi in occasione di precedenti somministrazioni
Effetti collaterali più comuni
Reazioni locali

Occasionalmente febbre e sintomi sistemici

Reazioni tipo-Arthus in caso di ripetuti richiami

Rare reazioni allergiche generalizzate



Encefalite da zecche
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite di età Rischio nei viaggiatori: 1/10.000 esposti per mese di soggiorno in aree endemiche ; rischio in area endemica stimato pari a 1/200-1000 punture di zecca. La vaccinazione è raccomandata a tutti coloro che si recano nelle zone endemiche, in particolare per coloro che vivono o soggiornano in zone rurali e boschive (es. contadini, escursionisti, campeggiatori, soldati); segnalata anche infezione con consumo di latticini non pastorizzati.
>95% in adulti e bambini >12 mesi di età 2 settimane dopo 3a dose 3-5 anni
16 anni
VACCINO PEDIATRICO disponibile: età > 1anno <16 anni.
Tipo di vaccino: inattivato, ceppo Neudofl.
Modalità di somministrazione: due schemi di vaccinazione: prime due dosi con intervallo di 1-3 mesi, terza dose dopo 5-12 mesi dalla seconda; oppure per una immunizzazione rapida: le prime due dosi a distanza di 2 settimane, terza dose dopo 5-12 mesi dalla seconda. Dosi di richiamo ogni 3-5 anni. Controindicato al di sotto dei 16 anni; non noto l'effetto durante la gravidanza e l'allattamento.
Principali precauzioni e controindicazioni
Ipersensibilità o reazioni gravi in occasione di precedenti somministrazioni
Effetti collaterali più comuni
Reazioni locali

Occasionalmente febbre, cefalea, mialgie, astenia



Encefalite giapponese
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite di età Consigliato in soggetti che soggiornano >1 mese in aree endemiche, durante il periodo di trasmissione stagionale del virus; va considerato anche in: soggetti che soggiornano <1 mese in aree endemiche durante il periodo di trasmissione stagionale del virus e svolgono attività ad alto rischio (permanenza in aree rurali o agricole, trekking, campeggio, caccia, pesca, escursionismo); presenza di focolai epidemici in atto; viaggiatori in aree endemiche la cui destinazione, attività, durata del viaggio non sono chiaramente specificate.
dati limitati 7 giorni dopo la 2° dose Non nota 17 anni bambini 2 mesi - 16 anni (maggio 2013)
Tipo di vaccino: ceppo SA14-14-2 del virus dell'encefalite giapponese (inattivato).
Modalità di somministrazione: 2 dosi: la 1° dose al tempo 0, la 2° dose dopo 28 giorni dalla prima; una dose di richiamo va somministrata entro 12-24 mesi; per persone a rischio continuo di esposizione consigliata dose di richiamo al mese 12 dall'immunizzazione primaria; dose di richiamo nei bambini dati non disponibili; non disponibili dati sulla necessità di ulteriori dosi di richiamo.
Principali precauzioni e controindicazioni
Reazione allergica ad una precedente dose

Ipersensibilità al principio attivo o a eccipienti (es. protamina solfato)

Gravidanza (sicurezza non conosciuta)
Effetti collaterali più comuni
Reazioni locali

Cefalea, mialgie

astenia, malattia simil-influenzale (>10%)

Febbre reazione più comune nei bambini
Paesi nei quali è presente il rischio di trasmissione della Encefalite giapponese:
Australia, Bangladesh, Bhutan, Brunei, Burma (Myanmar), Cambogia, Cina, India, Indonesia, Giappone, Corea di Nord, Corea del Sud, Laos, Malesia, Mongolia, Nepal, Pakistan, Papua Nuova Guinea, Filippine, Russia, Singapore, Sri Lanka, Taiwan, Thailandia,Timor Est, Vietnam, Isole Pacifico Occidentale.



Epatite A
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite di età
94-100% 2° dose 30 anni / Raccomandata ai viaggiatori in area endemica e ai gruppi a rischio.
Modalità di somministrazione: adulti e bambini sopra 10 anni di età: 1° dose alla data stabilita, 2° dose 6- 12 mesi dopo la prima
Principali precauzioni e controindicazioni

Ipersensibilità a componenti del vaccino

Dose ridotta nei bambini
Effetti collaterali più comuni
Reazione locale

Occasionalmente astenia, cefalea, febbre



Epatite B
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite di età
90-98% 2° dose anni / Raccomandata
Modalità di somministrazione: ciclo di base nei nuovi nati: 3°,5°,11°-13° mese di vita.
Soggetti di età >16 anni: 1° dose al tempo 0, la 2° dose dopo 1 mese, la 3° dose dopo 6 mesi dalla prima; possibilità di ciclo rapido: 0, 1, 2 mesi e quarta dose a 12 mesi.
Principali precauzioni e controindicazioni
Ipersensibilità a componenti del vaccino

Si può somministrare in gravidanza in caso di rischio alto
Effetti collaterali più comuni
Reazioni locali

Occasionalmente cefalea, astenia, febbre, nausea



Epatite A + Epatite B
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Indicata in speciali circostanze (esposizione professionale di medici, infermieri, ecc..), viaggiatori
> 94-100% 3° dose > 10 anni /
Modalità di somministrazione: un ciclo vaccinale consiste in tre dosi: 1° dose alla data stabilita, 2° dose dopo un mese, 3° dose sei mesi dopo la prima; possibilità di ciclo rapido: 1° dose alla data stabilita, 2° dose dopo 7 giorni, 3° dose dopo 21 giorni e 4° dose a 12 mesi.




Febbre gialla
(Antiamarillica)
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Obbligatoria per l'ingresso in alcuni paesi (vedi sotto), suggerita per altri paesi (regioni amazzoniche di Centro e Sud America), paesi africani dell'area endemica, non inclusi nell'elenco della vaccinazione obbligatoria.

* salvo necessità (epidemia).
>95% 10 giorni 10 anni 9-12 mesi *
Tipo di vaccino: vivo attenuato (virus febbre gialla ceppo 17D-204 coltivato su uova di gallina).
Modalità di somministrazione: 1 fiala da 0,5 ml per via sottocutanea in una singola somministrazione sia per adulti che per bambini.
Principali precauzioni e controindicazioni
Ipersensibilità a componenti del vaccino
Ipersensibilità all'uovo e alle proteine del pollo
Immunodepressione, malattie del timo
Gravidanza
Effetti collaterali più comuni
Reazioni locali

Occasionalmente cefalea, astenia, febbre
Paesi nei quali è richiesto il certificato di vaccinazione anti Febbre gialla (anti-amarillica)
Angola, Benin, Burkina Faso, Burundi, Cameroon, Congo, Costa d'Avorio, Gabon, Ghana, Guiana Francese, Guinea Bissau, Liberia, Mali, Niger, Repubblica Centro Africana, Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, Sao Tomè e Principe, Sierra Leone,Togo.
Paesi nei quali è presente il rischio di trasmissione della Febbre gialla
AFRICA: Angola, Benin, Burkina Faso, Burundi, Cameroon, Chad, Congo, Costa d'Avorio, Etiopia, Gabon, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea Bissau, Guinea Equatoriale, Kenya, Liberia, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Repubblica Centro Africana, Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, Senegal, Sierra Leone, Sudan, Togo, Uganda.

AMERICA CENTRALE E MERIDIONALE:Argentina, Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Guiana Francese, Guyana, Panama, Paraguay, Perù, Suriname, Trinidad e Tobago, Venezuela.
Paesi con aree di basso rischio potenziale per la Febbre gialla
Eritrea, Sao Tomè e Principe, Somalia, Tanzania, Zambia.




Febbre tifoidea
(parenterale)
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Consigliata in occasione di viaggi in aree ad alto rischio, in particolare a coloro che soggiornano più di un mese in zone endemiche. Viaggiatori diretti in India e nei paesi con ceppi farmaco resistenti (Vietnam, Tajikistan).
55-80% 10 giorni 3 anni 2 o 5 anni
Tipo di vaccino: inattivato (polisaccaride capsulare purificato Vi di S. typhi).
Modalità di somministrazione: 1 dose per via intramuscolare (età >2 anni o >5 anni secondo la preparazione).
Principali precauzioni e controindicazioni
Sicurezza in gravidanza non conosciuta

Ipersensibilità ai componenti del vaccino
Effetti collaterali più comuni
Dolore locale ed infiltrazione





Febbre tifoidea
(orale)
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Vedi sopra
65% 10 giorni 3 anni 5 anni
Tipo di vaccino: vivo attenuato (S. typhi viva attenuata del ceppo Ty 21°).
Modalità di somministrazione: 3 dosi a giorni alterni (gg 1-3-5) con acqua o liquidi non caldi, un'ora prima dei pasti.
Principali precauzioni e controindicazioni
Non consigliata in gravidanza e in soggetti immunocompromessi

Bambini < 5 anni

Malattie gastrointestinali

Assunzione contemporanea di antibiotici o assunzione contemporanea di antimalarici

Conservare le capsule al freddo (2°C-8°C)
Effetti collaterali più comuni
Occasionalmente disturbi intestinali lievi, febbre, cefalea




Meningite meningococcica
(polisaccaridico tetravalente)
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Indicata in alcuni paesi ed in speciali circostanze (bambini, viaggiatori di ogni età impegnati in progetti di cooperazione/umanitari, soggiorni prolungati in zone di rischio elevato, epidemie, contatti stretti con la popolazione della "cintura della meningite").
90% in soggetti >6 anni 10-14 giorni 3 anni 2 anni
Tipo di vaccino: porzioni purificate dei batteri N. meningitidis gruppi A, C, W135, Y.
Modalità di somministrazione: 1 dose in un'unica somministrazione sottocute.
NOTA: dimostrato declino del titolo anticorpale entro 1-2 anni. Raccomandata la rivaccinazione dei soggetti ad alto rischio di esposizione entro i 2 anni con vaccino coniugato.
Principali precauzioni e controindicazioni

Sicurezza in gravidanza non accertata
Effetti collaterali più comuni

Reazione locale

Astenia, cefalea




Meningite meningococcica
(coniugato tetravalente)
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Indicata in alcuni paesi ed in speciali circostanze (bambini, viaggiatori di ogni età impegnati in progetti di cooperazione/umanitari, soggiorni prolungati in zone di rischio elevato, epidemie, contatti stretti con la popolazione della "cintura della meningite").
>90% 10-14 giorni 2 anni 2 anni
Tipo di vaccino: oligosaccaridi di N. meningitidis gruppi A, C, W135, Y, coniugati alla proteina C.diphteriae CRM197.
Modalità di somministrazione: 1 dose in un'unica somministrazione sottocute a partire da 11 anni d'età.
Disponibile anche un vaccino coniugato tetravalente somministrabile da età > 1anno.
Principali precauzioni e controindicazioni

Sicurezza in gravidanza non accertata
Effetti collaterali più comuni

Reazione locale

Cefalea




Morbillo
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Raccomandata.
>90% 10 giorni Tutta la vita 1 mese
Tipo di vaccino: : vivo attenuato (ceppo attenuato Schwarz di virus del morbillo in colture di cellulari di pollo).
Modalità di somministrazione: ciclo di base: 1° dose a 12-15-mesi, 2° dose a 5-6 anni. Adulti:unica somministrazione per via sottocutanea o intramuscolare.
Principali precauzioni e controindicazioni

Non consigliata in gravidanza e in soggetti immunocompromessi

Allergia alle proteine dell'uovo e alla neomicina

Somministrazione di immunoglobuline < 5 mesi
Effetti collaterali più comuni

Febbre da 5 a 12 giorni dopo la somministrazione

Esantema fugace

Reazione locale




Peste
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Indicata in alcuni paesi ed in determinate situazioni (paesi ad alto rischio, soggiorno prolungato specie in aree rurali) (Non disponibile nel nostro paese).
? ? ? ?
Modalità di somministrazione: 1a dose di 1 ml, 2 a di 0,2 ml viene inoculata dopo 1-3 mesi, 3 a di 0,2 ml dopo 6 mesi. Una dose di richiamo di 0,1-0,2 ml è necessaria ogni 6 mesi. La bibliografia sul vaccino è piuttosto scarsa e non è dato sapere come procurarsi il vaccino; disponibile in USA, Cutter Biological. La vaccinazione non previene totalmente la malattia, ma ne riduce la gravità. Controindicato in gravidanza, allattamento, al di sotto dei 18 anni ed al di sopra dei 60 (mancano sperimentazioni e non è nota l'efficacia).
Principali precauzioni e controindicazioni

Da verificare sulla base delle indicazioni del produttore
Effetti collaterali più comuni

Vaccino poco impiegato; non disponibili dati




Poliomielite
(iniettabile)
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Raccomandata.
90-100% 2° dose Tutta la vita 6 settimane
Tipo di vaccino: inattivato (poliovirus inattivato tipo 1, tipo 2, tipo 3).
Modalità di somministrazione: ciclo di base: 3°,5°, 11°-13° mese di vita, richiamo a 5-6 anni. In adulti non vaccinati: 1° dose al tempo 0, 2° dose dopo 4-8 settimane, 3° dose a 6-12 mesi dalla seconda.
Principali precauzioni e controindicazioni

Reazioni anafilattiche a streptomicina o neomicina o polimixina B
Effetti collaterali più comuni

Rare reazioni locali di lieve entità




Tetano
(anatossina)
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Raccomandata.
100% circa 3° dose 10 anni 4 settimane
Modalità di somministrazione: ciclo di base: 3°, 5°, 11°-13° mese di vita, richiamo a 5-6 anni e a 11-16 anni. Richiami previsti ogni 10 anni.
Principali precauzioni e controindicazioni

Ipersensibilità o reazioni neurologiche o reazioni locali gravi in occasioni di precedenti somministrazioni
Effetti collaterali più comuni

Reazioni locali

Febbre e sintomi sistemici

Reazioni allergiche generalizzate (rare)

Reazioni tipo-Arthus in caso di ripetuti richiami




Tubercolosi
Vaccino Indicazioni
Efficacia Efficacia dopo Durata Limite Utilizzato in alcuni paesi ad alta prevalenza per prevenire forme severe di tubercolosi nei bambini. Indicata in speciali circostanze (bambini, ragazzi destinati ad un soggiorno prolungato in aree ad alta endemia). Alcuni autori suggeriscono di effettuare, nei casi in cui sia previsto un lungo soggiorno (>3-6 mesi) a stretto contatto con popolazione con alta incidenza di tubercolosi, una intradermoreazione alla tubercolina un mese prima del viaggio e dopo il rientro; in tal modo potrebbero essere riconosciute infezioni acquisite durante il soggiorno. (Vedi Cartina della tubercolosi)
50-78% 2 mesi ? No






Effetti collaterali

Alcuni soggetti riferiscono un certo grado di dolore locale in corrispondenza del punto di inoculazione e una leggera sintomatologia simil-influenzale (febbre, dolori muscolo-articolari) della durata di circa 24 ore nei giorni seguenti l’iniezione.


Controindicazioni

I vaccini devono essere somministrati alle persone sane. La controindicazione assoluta all’impiego dei vaccini è l’ipersensibilità ad uno dei componenti del vaccino (esempio allergia alle proteine dell'uovo per alcuni vaccini); altre controindicazioni sono rappresentate dallo stato immunitario degli individui o da condizioni fisiologiche (gravidanza) che potrebbero essere pregiudicate dalla somministrazione del vaccino; ciò è vero in particolare per i vaccini allestiti con microrganismi vivi attenuati. A questo proposito vedasi la pagina Vaccinazioni e immunodepressione, vaccinazioni e gravidanza).
Ogni decisione sulle indicazioni e sulle eventuali controindicazioni alle vaccinazioni può essere presa soltanto dopo un attento esame medico delle persone che intraprendono il viaggio e delle caratteristiche del viaggio stesso.
Maggiori informazioni possono essere ottenute sui siti:
www.vaccinarsi.org e
http://www.epicentro.iss.it/temi/vaccinazioni/vaccinazioni.asp

Top