:: Home Page del Centro di Medicina dei Viaggi della Divisione IL GIRO DEL MONDO

SC Malattie Infettive e Tropicali I, osp. Amedeo di Savoia, Torino SS Medicina dei Viaggi
App Mobile Il Giro del Mondo
App Mobile Il Giro del Mondo
ASL Città di Torino

Rabbia


Che cos’è?

La rabbia è una malattia virale causata da un Rhabdoviridae, trasmesso all’uomo da animali infetti. Nei paesi in via di sviluppo, dove la rabbia canina è comune, la trasmissione avviene principalmente per morso di cane; nei paesi industrializzati la trasmissione all’uomo si verifica più sovente da parte di animali selvatici. E’ una malattia ubiquitaria con alcune eccezioni per Paesi o continenti insulari [Giappone, Oceania, Australia (fatta eccezione per la regione di Ballina), Nuova Zelanda ed in alcune isole dei Caraibi]. Nel mondo sono segnalati più di 30.000 casi all’anno ma il loro numero è probabilmente molto maggiore.  

Come si manifesta la malattia?
Il virus della rabbia provoca nell’uomo una encefalite invariabilmente fatale. Il periodo di incubazione è molto variabile da pochi giorni a molti anni; nel 75% dei casi la malattia si manifesta nei primi 90 giorni dal morso infettante. I sintomi iniziali sono quelli di una malattia virale aspecifica; seguono alterazioni cognitive, alterazioni della sensibilità e dolore nella sede della precedente morsicatura. Nell’arco di 4-10 giorni la malattia si manifesta completamente nelle due forma classiche di rabbia furiosa (idrofobia, delirio, agitazione) e rabbia paralitica.


Cosa si può fare?

La malattia è prevenibile. Esiste un vaccino efficace che deve essere proposto a coloro che si recano in zone a rischio e che svolgono professioni potenzialmente esposte (veterinari, personale di laboratorio che lavora sul virus, speleologi, e soggetti che hanno predisposto di recarsi in regioni rurali remote senza possibilità di accesso a servizi medici). Il vaccino e ottenuto da virus inattivato e si stabilisce una immunità valida dopo tre iniezioni (tempi 0, 7, 21 giorni). E’ consigliabile un richiamo ogni 2-3 anni.
Se sfortunatamente si è esposti al virus (morsi di animali sicuramente o potenzialmente rabidi) occorre: 1. lavare la ferita con abbondante acqua e detergenti; 2. disinfettare con iodio-povidone; 3. iniziare una immunizzazione passiva (immunoglobuline specifiche); 4. effettuare una immunizzazione attiva (vaccino) nei giorni 0, 3, 7, 14, 28.


Top